Cerca
  • Stefania Salvatore

Chi altro vuole smettere di inviare auguri standard ai propri ospiti?

Aggiornamento: 19 feb

Il tema degli auguri Natalizi inonda bacheche e caselle mail man mano che ci si avvicina alla data maestra.


Eppure c'è ancora così tanta confusione...


Nota ad esempio la differenza tra questi due messaggi d'auguri.


"Buon Natale e buone feste da parte del nostro staff"


"Ciao Paolo,

ci teniamo tantissimo a ringraziarti per aver trascorso per 4 anni le tue vacanze estive con noi augurando a te, a Chiara e alla piccola Giulia un felice Natale.

Un abbraccio,

lo staff "


Questi sono due esempi, non troppo lontani dalla realtà, di come strutture ricettive (e aziende in generale) inviano gli auguri per Natale ai propri ospiti/clienti.


Più nel dettaglio: nel primo esempio osserviamo un messaggio standard, banale, uguale per tutti i contatti nella rubrica. Chi lo riceverà si sentirà uno dei tanti.


Nel secondo caso scorgiamo uno sport completamente diverso.


Cosa dico sempre durante le live nel gruppo Facebook?


Profiliamo gli ospiti!


Non risulta né bello né professionale mandare un messaggio uguale per tutti.


Per far sentire unico e coccolato il tuo ospite devi avere il maggior numero di informazioni possibili così da comunicare in maniera personalizzata con ognuno di loro. E farli sentire speciali per davvero!


Sarebbe normale chiedersi "Quale tipo di informazioni?"


Bene. Nell'esempio numero 2 puoi vedere che ho utilizzato 5 informazioni in una sola frase:

  1. Lo chiamo per nome;

  2. So che ha soggiornato da me 4 volte;

  3. So che è venuto in estate;

  4. So che la moglie si chiama Chiara;

  5. So che la figlia piccola si chiama Giulia.

Come ho fatto ad ottenere queste informazioni?

Niente di più semplice!


Lo strumento indispensabile per qualsiasi struttura che voglia eccellere nel settore dell'accoglienza è il CRM (Customer Relationship Management).


Nel mio libro "Metodo Hospitality®" spiego perché il CRM è un tassello così importante dei 5 step del metodo:

  1. analisi;

  2. reputazione;

  3. strategie;

  4. conversione;

  5. fidelizzazione.

Se ancora non l'hai comprato, questo è il periodo giusto per farti un regalo cliccando qui!


Ricordati che il Metodo Hospitality è l'unico metodo che punta all'obiettivo di farti ottenere più clienti più felici.


Un abbraccio e buone feste,

Stefi