Cerca
  • Stefania Salvatore

E se ti consigliassi di dormire in una vecchia stazione ferroviaria rifatta a nuovo?

Probabilmente ti sarà capitato di appisolarti - almeno una volta nella vita - in una delle cuccette presenti nei treni a lunga percorrenza.


O, peggio ancora, all'esterno di una stazione, magari su una di quelle scomodissime sedie/panchine presenti nelle sale d'attesa.


Ora pensa alla stessa location - la stazione ferroviaria - e immagina di sventolare una bacchetta magica e trasformare tutto in un hotel, con tanto di suite dotate di tutti i comfort. Improvvisamente sei nella Nuova Scozia, in Canada. E più precisamente ti stai strizzando gli occhi dall'incredulità, perchè sei davanti al caratteristico Villaggio di Tatamagouche.

Salvata da demolizione certa, in quanto vecchia e dismessa, grazie all’estro e all’ingegno di James Le Frense, abitante vissuto e cresciuto proprio in questo villaggio, la vecchia stazione ferroviaria è stata trasformata in un incredibile e straordinario hotel, con elementi vintage ed un vagone ristorante.


Così nasce il Train Station Inn.


I vagoni del treno - risalenti al XIX secolo - sono rimasti gli stessi, almeno esternamente. Al proprio interno, invece, sono stati trasformati in suite private dotate di ogni comfort e arredate con oggetti di design che rimandano al passato ferroviario.

The Train Station Inn ospita un bar/caffetteria, il ristorante Dining Car (dove è possibile gustare l’eccellente gastronomia locale), un negozio di articoli da regalo e il Baggage Room Bar dove è possibile sorseggiare birre artigianali e idromele.


E non é tutto.


Durante l’estate, nella piazza antistante alla stazione, vengono organizzati eventi culturali e serate con musica dal vivo al fine di intrattenere gli ospiti della ferrovia e gli abitanti di Tatamagouche. Insomma, più che di hotel, parlerei di un vero e proprio villaggio.

Il vero punto di forza, escludendo la tipica atmosfera, va ricercato nelle suite che, a detta di chi c'è già stato, sono meravigliosamente autentiche e confortevoli, dotate di ogni servizio per rendere l'esperienza davvero unica.


E pensandoci bene, non è molto diverso da quello che dovresti fare anche tu con i tuoi ospiti.


Per quale motivo ci definiamo operatori dell'accoglienza, se non per far vivere esperienze davvero uniche ai nostri ospiti?


Ti dirò di più: in qualsiasi caso é severamente vietato deludere le aspettative dell'ospite.


Solo che non è facile ottenere strategie di sicuro successo: quindi, se vuoi scoprire un metodo sicuro per NON deludere le aspettative dei tuoi ospiti ed ottenere solo e soltanto persone felici... ... Il primo passo, che alcuni tuoi colleghi illuminati hanno già fatto, è partire da quello stesso strumento che definiscono l'unico manuale per un'accoglienza superlativa.


In questo manuale scoprirai:

  1. comprensione dell'ospite;

  2. processi per un'accoglienza al top;

  3. gestione dell'ospite;

  4. creare l'effetto wow.

Se non hai ancora ordinato la tua copia, il mio umile consiglio è assicurartela (prima che sia troppo tardi) facendo clic su questo link.


Non penso sia un caso se... chi lo ha già acquistato...

lo definisce l'unico sistema che aiuta (in maniera concreta e senza inutili divagazioni) ad ottenere davvero più clienti più felici.


Allora, per compiere un piccolo primo passo verso la totale dedizione ai tuoi ospiti, ordina adesso la tua copia.


E se la tua sete di conoscenza è ancora più profonda, puoi scegliere un upgrade diretto e passare così al percorso di studi dell'Academy interna.


Una volta completata la registrazione, scoprirai:

  • come NON tradire le aspettative degli ospiti;

  • come applicare - quasi da subito - la forza persuasiva delle relazioni pubbliche;

  • come sfruttare le alleanze strategiche a tuo esclusivo vantaggio.

Anche in questo caso, è sufficiente cliccare qui Ad ogni modo sentiti libero di scegliere.

La scelta é tua e soltanto tua. Un abbraccio e buon lavoro,

Stefi