top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreStefania Salvatore

Ecco i timori più diffusi degli italiani che viaggiano in aereo

Anche se viaggiare è un’esperienza meravigliosa, non dobbiamo sorprenderci davanti a timori e preoccupazioni dei turisti, soprattutto quando il mezzo con cui spostarsi è l’aereo.


Infatti, non tutti riescono a salire a bordo a cuor leggero: i chilometri di distanza dal suolo possono provocare una forte stretta allo stomaco oltre ad una vera e propria “sensazione di totale smarrimento”.

airplane

Aerofobia: di cosa si tratta e come si supera


La paura di volare è conosciuta come “aerofobia” e può colpire chiunque, sia chi viaggia per la prima volta sia chi è già abituato: il pensiero di “essere sospesi nel vuoto”, la consapevolezza di non poter scendere fintanto che non si è giunti a destinazione, il non poter abbassare il finestrino per prendere una boccata d’aria e l’eventualità di guasti al mezzo sono tutti fattori scatenanti che possono provocare attacchi di panico, di ansia e di grave agitazione.


Questa paura condiziona e rappresenta un limite ma può essere affrontata con una serie di accorgimenti, primo tra tutti quello di informarsi prima della partenza in modo da avere chiaro in mente cosa aspettarsi, soprattutto durante le fasi di decollo e atterraggio.


Ancora, diventa importante allontanare il più possibile i pensieri negativi, arrivare a bordo ben riposati, distrarsi e intrattenersi ascoltando musica, guardando un film o leggendo un libro, partire in compagnia di una persona cara, scegliere il posto che più fa sentire a proprio agio.

airplane seats

Le paure più comuni degli italiani in volo


Volare fa paura e l’80% degli italiani dichiara di vivere le attese in aeroporto e i viaggi in aereo con apprensione.


Una ricerca di jetcost.it, motore di ricerca per voli e hotel, ha intervistato 3000 persone dai 18 anni in sù che hanno volato almeno una volta negli ultimi due anni per indagare quali sono le maggiori preoccupazioni che possono assalire.


La prima domanda riguardava il timore di viaggiare in aereo in generale: il 78% ha dato risposta affermativa anche se il 69% ha comunque sottolineato di apprezzare l’esperienza del volo.


Un altro quesito si concentrava, invece, sulle paure principali durante la permanenza in aeroporto.


Le risposte più frequenti sono state:

  • smarrire il bagaglio;

  • perdere il volo;

  • non trovare più i documenti, il passaporto, o la carta d’imbarco;

  • far scattare l’allarme ai controlli di sicurezza;

  • vedere il proprio volo cancellato.

Ma non è tutto.


Gli intervistati temevano anche il dover aprire la borsa ai controlli, il ritardo dei voli, avere il bagaglio che pesa più di quanto consentito, perdere una coincidenza o anche essere sorpresi con qualcosa che non appartiene ai propri bagagli.


Parlando invece del volo vero e proprio, il 21% ha affermato di soffrire di aerofobia.


Alla domanda su cosa trovassero più spaventoso, fastidioso e irritante a bordo, il 54% ha risposto il rumore, il 39% non avere abbastanza spazio per le gambe, il 33% le turbolenze e il 31% il dover aspettare gli altri passeggeri.


Altri aspetti che indispettiscono sono i prezzi di cibo e bevande (26%), le misure di sicurezza (23%), il sedile scomodo (21%), la claustrofobia (16%) e la qualità del cibo (11%).


Infine, uno sguardo al rumore ritenuto più insopportabile durante il volo: al primo posto il pianto dei bambini, al secondo chi parla ad alta voce, al terzo i giovani in gita che gridano, al quarto chi russa, i genitori quando sgridano i figli e poi chi è sotto l’effetto dell’alcool.

travel luggage

Tornando a noi, se gestisci una struttura ricettiva dovresti tenere conto di tutti questi aspetti perchè rappresentano degli accumulatori di stress.


Mentre un'accoglienza superlativa per i tuoi ospiti rappresenta l'antidoto perfetto.


Vestendo i loro panni sarai in grado di far sentire le persone subito a proprio agio, concedendogli il meritato relax ed allontanando nuove problematiche senza appesantire inutilmente i loro pensieri.


Non a caso, sono sempre più convinta del fatto che la vera partita si gioca sulle percezioni prima ancora che sui fatti.


E ne sono convinta a tal punto da averci scritto un libro, il quarto per la precisione.


Anche se mi rendo conto che non sia sempre così semplice applicare i concetti dell'accoglienza da superstar.


Ed è proprio per questo che all'interno del mio ultimo sforzo bibliografico troverai ampi riferimenti uniti alle strategie di successo già utilizzate da altri tuoi colleghi.


Brain Positioning costa meno di un portachiavi personalizzato e può essere tuo facendo clic su questo link adesso.

Si aprirà una nuova pagina sicura e con connessione crittografata nella quale ti sarà chiesto di inserire i dati utili per il corriere.


Una volta completata la sezione anagrafica, è sufficiente premere il tasto arancione con scritto "Invia".


L'automazione mi informerà personalmente delle tue intenzioni d'acquisto ed io non vedo l'ora di confermare il tuo ordine senza alcun tipo di rischio per te.


Il motivo è semplice: se non riterrai Brain Positioning uno dei libri più utili ed illuminanti per la tua struttura ricettiva, potrai usufruire della speciale garanzia "Il Giuramento di Stefi Salvatore".


Funziona così: io ti garantisco al 100% che amerai questo libro.


Ma nell'improbabile e mai verificato caso in cui le informazioni al suo interno non siano le più rivoluzionarie che tu abbia mai letto nel mondo dell'accoglienza, fammelo sapere entro 90 giorni e ti restituirò il doppio dei soldi.


Non ti sarà chiesto nemmeno di rispedire le copie: potrai tenerle insieme a tutti gli altri Bonus che riceverai subito dopo l'acquisto.


Perchè lo faccio?


Per due motivi.


1) Perchè preferisco i fatti alle parole.


2) Perchè sono certa del funzionamento delle mie strategie. Hanno avuto successo sui tuoi colleghi e quindi non c'è alcun motivo logico che mi possa far pensare al contrario.


Ma ora la palla passa a te.


L'offerta è chiara.


La garanzia pure.


E hai tutto il potere decisionale nelle tue mani.


Non resta altro che cliccare il link più in basso e valutare - senza rischi - la bontà del mio metodo e la profondità delle mie conoscenze.



Grazie per il supporto,

ti mando un grande abbraccio,


Comments


bottom of page