top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreStefania Salvatore

Il Paese di Oz esiste davvero e si trova nella campagna inglese

Esistono destinazioni che da sempre occupano un posto speciale nell’immaginario collettivo. Si tratta di quei paesaggi che hanno fatto da sfondo alle nostre fiabe preferite, gli stessi che ci hanno spinto in lungo e in largo alla ricerca di destinazioni che, grazie a Madre Natura o all’intervento dell’uomo, gli somigliassero in qualche modo.


Tra questi c’è anche il Paese di Oz, il regno immaginario creato da L. Frank Baum che ha fatto da sfondo agli omonimi libri ed a tutte le opere derivate.


Quattro regioni, distinte per colori differenti e governato da quattro streghe, due buone e due cattive.


La storia del mago di Oz la ricordiamo in tanti, così come conosciamo la Città di Smeraldo, dove tutto è colorato di un verde cangiante e la regione popolata dai Vermiglioni che, invece, è caratterizzata da infinite sfumature di rosso.


Quello che non tutti sanno, però, è che il Paese di Oz esiste davvero e si trova nel cuore di Buckinghamshire, in Inghilterra.

Benvenuti nella magica terra di Oz


È successo tutto all’improvviso e inaspettatamente negli scorsi giorni: la terra di Oz è comparsa nel bel mezzo della campagna lasciando attoniti cittadini e viaggiatori.


A differenza di quanto si può pensare, però, non c'è stato alcun incantesimo sulla contea inglese. Una spiegazione c'è, ma la visione è comunque incantata e straordinaria.


Per ammirare il Paese di Oz dobbiamo quindi recarci nel territorio dell’Inghilterra sud-orientale e più precisamente nel villaggio di Ivinghoe.

Da qualche giorno qui è possibile osservare una magica cittadina caratterizzata da minuscoli cottage disposti uno al fianco dell’altro e contraddistinti da tetti di paglia colorati.


La vista restituita agli occhi è un’immagine familiare: nessun errore, perché si tratta proprio del villaggio dei Mastichini ricreato minuziosamente per diventare il set cinematografico del film “Wicked”.

I produttori di Wicked, adattamento cinematografico dell’iconico musical di Broadway, hanno scelto il villaggio di Ivinghoe per trasformarlo in un regno incantato che assomiglia, per forme, lineamenti e colori al Paese di Oz.


Le prime fotografie diffuse mostrano un set caratterizzato dall‘iconica strada di mattoni gialli che attraversa il villaggio colorato dei Mastichini.


Nelle prossime settimane si susseguiranno le riprese del film Wicked, prodotto dalla Universal Pictures e interpretato da Ariana Grande che indosserà i panni di Glinda.


La pellicola che riprende in parte il Mago di Oz di Frank Baum racconterà la storia dal punto di vista delle streghe.


In attesa di correre al cinema per guardare il film, e lasciarsi suggestionare da una delle storie più celebri che ci ha tenuto compagnia quando eravamo solo dei bambini, i cittadini e i viaggiatori che giungeranno a Buckinghamshire nei prossimi mesi, e fino al 4 agosto, potranno ammirare il villaggio di Oz.


E, davanti a quello, tornare a sognare.


Ecco: è lo stesso filone di ragionamento che dovresti seguire anche tu con la tua struttura ricettiva, perchè rappresenta una scorciatoia quasi illegale nei confronti della concorrenza.


Tuttavia, capisco che sia qualcosa di leggermente ostico e non semplice da applicare.


Ragion per cui ho pensato ad un facilitatore per te che non ti accontenti della mediocrità.


Questo facilitatore si chiama Brain Positioning, costa meno di un portachiavi personalizzato e può essere tuo in men che non si dica, attraverso un semplice clic.

Credimi: il suo prezzo é talmente imbarazzante che non vale nemmeno la pena parlarne. Ma ti lascio con una piccola confidenza: la strategia di lancio é una prova.


Una prova basata sulla fiducia. Fiducia che dipende dal Brand. Per aiutarmi a costruire ancora più fiducia dovresti cliccare questo link e divulgare il mio ultimo lavoro condividendo le tue impressioni.


Dal canto mio, ti giuro che mi muoverò in prima persona per ricompensarti come meriti.


A te la decisione.


La scelta è tua e soltanto tua.



Un abbraccio,

Stefi


Comments


bottom of page