top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreStefania Salvatore

Il turismo nazionale salvato dagli stranieri? Ecco i numeri di un'estate piuttosto amara

L'estate 2023 in Italia ha deluso le aspettative: la diminuzione dei viaggiatori italiani è stata del 5,7%, ma per fortuna gli stranieri sono aumentati del 3,6%.


Complessivamente sono stati registrati circa 50,5 milioni di turisti nelle strutture ricettive italiane, con 3 milioni di pernottamenti in meno rispetto al 2022.


In poche parole gli stranieri hanno salvato la stagione italiana.


Potrebbe essere riassunta così l’estate 2023 nel Belpaese, che va verso la chiusura con numeri tutt’altro che esaltanti rispetto alle buone previsioni delle settimane scorse.


I dati di Assoturismo Confesercenti relativi ai mesi di giugno, luglio e agosto, infatti, dicono che dopo gli ottimi risultati iniziali i viaggiatori italiani che hanno battuto le coste e città d’arte del proprio Paese sono diminuiti del 5,7%.

Gli stranieri sono cresciuti del 3,6% e sono stati fondamentali per l'economia del vino.


In totale, i turisti registrati nelle strutture ricettive italiane sono stati circa 50,5 milioni, per un totale di circa 207 milioni di pernottamenti, 3 milioni in meno rispetto al 2022.


Turismo in Italia: meno mare, più città d’arte


Uno dei dati più curiosi è rappresentato dalle mete scelte.


Per la prima volta dopo anni di crescita costante, quest’estate abbiamo registrato meno turisti nelle località marine (- 3,2%) e nelle aree rurali e di collina (in diminuzione del 3,1%).


Al contrario, una buona crescita è stata segnalata dalle strutture in città e nei centri d'arte: l'aumento dei turisti è stato del 2,7%.


Stabile invece il numero di chi ha scelto laghi e montagna.

Turismo, gli stranieri in Italia


Come detto, la stagione è stata quantomeno salvata dal massiccio arrivo di stranieri in Italia. Ma da dove arrivavano?


Per lo più si è trattato di francesi, olandesi, statunitensi e polacchi.


In leggero aumento anche gli arrivi dalla Repubblica Ceca, Belgio, Svizzera, Australia, Canada, Ungheria, Spagna e Regno Unito.


Nella norma il numero di turisti dalla Germania, Scandinavia, Corea del Sud e Israele, mentre il calo si è verificato su indiani, austriaci, cinesi e giapponesi.


Quali sono le cause del calo del turismo degli italiani?


Come sempre in questi casi si va alla ricerca di cause e colpevoli.


Il primo indiziato riguarda l’inflazione, che non avrebbe permesso alle aziende di mantenere i prezzi dello scorso anno e, contemporaneamente, ha limitato la spesa di una buona fetta di turisti che ha dovuto decidere - probabilmente a malincuore - di rinunciare a qualche giorno di vacanza (o in alcuni casi all’intera vacanza).


«Un altro fattore che ha toccato pesantemente la stagione estiva è stato la tragica alluvione dell'Emilia Romagna, a cui si sono aggiunte le prolungate ondate di calore e l'incertezza meteo - ha dichiarato Vittorio Messina, presidente di Assoturismo Confesercenti -; l'impennata delle tariffe aeree sulle tratte nazionali e le difficoltà operative dei voli da e per la Sicilia; la mancanza del mercato russo ed ucraino, assenti dall'inizio della guerra».


Turismo in Italia, a settembre niente boom


La stagione estiva resta comunque nel vivo, con il mese di settembre che potrebbe portare ancora qualche numero.


Ma da Assoturimo non ci si aspetta niente di clamoroso:


«Per il mese di settembre non c’è ottimismo, anche se la situazione potrebbe migliorare - spiega Messina. Bisogna supportare l'intera filiera dell'economia turistica, utilizzando le risorse del Pnrr per affrontare i problemi storici del nostro turismo, come ad esempio le infrastrutture, e intervenire per contrastare e ridurre gli effetti dei cambiamenti climatici»

aggiunge il presidente di Assoturimo Confesercenti.


Ed eccoci di nuovo davanti alla radice del problema.


Sarei curiosa di sapere come mai non viene minimamente presa in considerazione l'accoglienza che è ancora lontana anni luce dagli standard minimi richiesti dagli ospiti.


Infatti, ad eccezione di qualche mosca bianca, è sufficiente farsi un giro sui portali di prenotazione e leggere le recensioni per capire quanto ancora ci sia da migliorare.


Poi certo che la situazione internazionale incide, ma questo non significa che ci sia l'obbligo di fare le cose male.


Altrimenti non si spiegherebbe come mai Grecia e Spagna ci abbiano sorpassato (e no, i prezzi non c'entrano proprio nulla).


Se, come sono convinti i "professori", le scelte di viaggio dipendessero dai prezzi (bassi), allora avrebbero vinto a mani basse destinazioni come Cipro ed Estonia.


Eppure così non è stato.


Quindi, se anche tu detesti queste facili conclusioni e al contrario credi che la chiave di volta sia solo e soltanto nell'accoglienza superlativa, probabilmente l'offerta che ti farò a breve ti lascerà senza parole.


Ed il motivo è semplice: l'accoglienza superlativa basa una parte delle sue teorie sul concetto di essere gentili.


Essere gentili è il primo passo per abbracciare una strategia chiara che ti aiuterà a scatenare sempre e soltanto un vero effetto wow, a patto che tu conosca e sappia applicare ogni singolo step dell'accoglienza superlativa.


E qualora ti interessasse saperne di più, sappi che ho appena concluso il mio quarto sforzo bibliografico. Che, nemmeno a farlo apposta, é una sorta di "manifesto" pronto ad aiutarti nella corretta applicazione di tutte le tecniche per accogliere al meglio gli ospiti.


In questo modo sarai capace di creare in totale autonomia il tanto agognato effetto wow.


Come se non bastasse, gli ospiti avranno occhi solo e soltanto per te e la tua struttura.


Credimi sulla parola: appena scoperto il ridicolo prezzo, sarai imbarazzato dall'insignificante cifra che sto chiedendo.


Anche perché scoprirai tutte le tecniche e le strategie da applicare per vincere la battaglia delle percezioni e diventare protagonista indiscusso della tua fetta di mercato...


... e vedrai - come minimo - il tuo investimento decuplicato (e mi sto tenendo bassa...).


Si tratta solo di mostrarti un minimo gentile e generoso nei miei confronti.

Questo perchè la tua personalissima scorciatoia costa meno di un portachiavi personalizzato e può essere tuo in men che non si dica. Si chiama Brain Positioning ed è sufficiente un semplice clic su questo link


Ma aspetta...


Subito dopo il clic si aprirà una nuova pagina sicura e con connessione crittografata.


Ti sarà chiesto di inserire i dati utili per il corriere.


Una volta completata la sezione anagrafica, è sufficiente premere il tasto arancione con scritto "Invia".


L'automazione mi informerà personalmente delle tue intenzioni d'acquisto ed io non vedo l'ora di confermare il tuo ordine senza alcun tipo di rischio per te.


Il motivo è semplice: se non riterrai Brain Positioning uno dei libri più utili ed illuminanti per la tua struttura ricettiva, potrai usufruire della speciale garanzia "Il Giuramento di Stefi Salvatore".


Funziona così: io ti garantisco al 100% che amerai questo libro.


Ma nell'improbabile e mai verificato caso in cui le informazioni al suo interno non siano le più rivoluzionarie che tu abbia mai letto nel mondo dell'accoglienza, fammelo sapere entro 90 giorni e ti restituirò il doppio dei soldi.


Non ti sarà chiesto nemmeno di rispedire le copie: potrai tenerle insieme a tutti gli altri Bonus che riceverai subito dopo l'acquisto.


Perchè lo faccio?


Per due motivi.


1) Perchè preferisco i fatti alle parole.


2) Perchè sono certa del funzionamento delle mie strategie. Hanno avuto successo sui tuoi colleghi e quindi non c'è alcun motivo logico che mi possa far pensare al contrario.


Ma ora la palla passa a te.


L'offerta è chiara.


La garanzia pure.


E hai tutto il potere decisionale nelle tue mani.


Non resta altro che cliccare il link più in basso e valutare - senza rischi - la bontà del mio metodo e la profondità delle mie conoscenze.



Grazie per aver letto l'articolo e per il continuo supporto,

ti mando un grande abbraccio,



Comments


bottom of page