top of page
Cerca
  • Stefania Salvatore

Insieme ai saldi estivi arrivano le prime fregature. Ma cosa deve fare invece chi è onesto?

Lo scorso sabato hanno preso ufficialmente il via i saldi estivi, che si protrarranno per sessanta giorni.


L'occasione per rinnovare il proprio guardaroba, dietro a quello che all'apparenza è un ottimo affare, nasconde purtroppo delle vere e proprie fregature.


Per questo motivo il Codacons ha stilato un decalogo con alcuni consigli utili per fare acquisti in sicurezza.

  1. Conserva sempre lo scontrino: non è vero che i capi in saldo non si possono cambiare. Il negoziante ha l'obbligo di sostituire l'articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Se il cambio non è possibile, ad esempio perché il prodotto è finito, hai diritto alla restituzione dei soldi.

  2. La merce in "Saldo" deve essere l'avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino. L'invito del Codacons è di stare alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono magicamente riempiti dei più svariati articoli.

Il Codacons consiglia inoltre di valutare la bontà dell'articolo guardando l'etichetta che descrive la composizione del capo d'abbigliamento. Pagare un prezzo alto non significa automaticamente acquistare un prodotto ottimale.


Per quanto riguarda i pagamenti, nei negozi che espongono in vetrina l'adesivo della carta di credito o del bancomat il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi, senza oneri aggiuntivi.

Tornando a noi e al nostro magico mondo legato all'accoglienza, mi sento in dovere di lanciare un'affermazione abbastanza forte.


Assodato che chi truffa è disonesto perché pensa ad arricchirsi alle tue spalle, facendo solo il tuo male... Come dovrebbe comportarsi invece chi ha a cuore la felicità e la soddisfazione dei clienti, e quindi lavora solo nel nome del bene?


Che tu ci creda o meno, la risposta è una soltanto: chiedere feedback e testimonianze sul lavoro svolto insieme.


Solo che all'inizio può sembrare complesso fare domande, soprattutto quando regna un pizzico di timidezza... Fortunatamente per te, ho pensato (anche) a come risolvere questo problema: ho dato vita a Super Testimonial.


Per allungare i tuoi dolci tentacoli su questa mini-guida, è sufficiente inserire la tua mail e scaricare il contenuto alla fine dell'articolo.


Ecco il Link per e-book. Decidi tu. La scelta è tua e soltanto tua.


Un abbraccio e buon lavoro,

Stefi

bottom of page