Cerca
  • Stefania Salvatore

L'analisi di 7,6 miliardi di dati lo certifica: "Consumatori sempre più attenti alla sostenibilità"

I consumatori sembrano sempre più predisposti ad agire in modo sostenibile nella vita quotidiana. E no, non si tratta di un’autodichiarazione. Parliamo di un’intenzione effettiva rilevata grazie allo studio Sustainability Trends 2022 di Kantar: un’analisi profonda, che ha analizzato oltre 7,6 miliardi di dati relativi alla sostenibilità, raccolti negli ultimi 5 anni attraverso le query di Google dei consumatori di oltre 90 Paesi, con un focus sui settori food & beverage, retail e finance.


A questo proposito un'importante dirigente di Kantar afferma: “Questo studio ci rivela due parametri chiave: i consumatori sono sempre più inclini al “less is more” – ovvero consumare meno prodotti ma migliori per l’ambiente – e a riconsiderare i loro comportamenti di acquisto a favore del pianeta. Due elementi chiave che i marketer di tutto il mondo devono tenere in mente pensando all’oggi e al domani”.

Ma torniamo a noi e analizziamo questi due parametri.


1- Il principio “less is more”.


L’analisi delle query di Google dimostra come i consumatori siano sempre più consapevoli delle questioni sociali e ambientali e vogliano sentirsi parte attiva del cambiamento.

Consumare di meno

A livello globale, il consumo eccessivo e lo spreco alimentare hanno prodotto 246 milioni di query mensili su Google negli ultimi 5 anni. Le ricerche in questo ambito ammontano infatti in media a 3 milioni al mese, e hanno registrato un aumento del 27% negli ultimi due anni.

Evitare gli eccessi

Il volume delle ricerche sul “fast fashion” è più che raddoppiato in 5 anni: i consumatori si chiedono se aziende come Zara, Shein, Cider, Gap o H&M possano davvero considerarsi “brand fast fashion”. Gli utenti si interrogano sulle condizioni lavorative che questi brand impongono agli Uiguri, minoranza etnica residente in Cina (+87% negli ultimi due anni).

Nel settore agroalimentare il tema chiave è lo sfruttamento animale, con 155 milioni di ricerche in media al mese. “Come simbolo di questo sovraconsumo, il fast-fashion è finito sotto tiro negli ultimi anni, è naturale quindi che i consumatori cerchino di evitare di acquistare dai brand meno responsabili, prediligendo prodotti di aziende che condividono i loro stessi valori” commentano da Kantar.

La predilezione per l’economia circolare

Per consumare meno e reperire prodotti migliori, l’economia circolare è vista come una delle soluzioni ottimali. Le ricerche su questo argomento sono in rapida crescita, con un aumento del 15% dal 2020. Vinted sta beneficiando di questo interesse con un volume di ricerca aumentato del 76% dal 2020 e 7 milioni di ricerche mensili.

(Ri)dare valore al tempo

Maggiore responsabilità significa (anche) riconsiderare il tempo: tra gli stili di vita sostenibili più in voga al giorno d’oggi troviamo lo “slow living”.


I consumatori che adottano questo life-style prediligono capi più resistenti nel tempo, si ritagliano dei momenti per fare qualcosa di utile e piacevole come dedicarsi alla produzione propria di frutta e ortaggi, cucinare in grandi quantità per tutti i pasti della settimana, ecc. Lo prova il numero sempre più crescente di query legate a questi temi come slow-living, che cresce del +52%, mentre “Batch Cooking” segna un incredibile +132% di ricerche dal 2020.

Riciclare e ridare vita ai prodotti

Anche se la ricerca rifiuti zero è in netto calo (-34% negli ultimi due anni), i consumatori ricercano come limitare gli imballaggi e dare una seconda vita ai rifiuti (+59% negli ultimi 2 anni delle ricerche per lo sfuso).


Il termine compost è aumentato del 38%, l’upcycling del 22%, la gestione dei rifiuti del +15%, gli erogatori d’acqua del 13% e le ricerche correlate al tema degli imballaggi alternativi sono aumentate del 30% in due anni.

2 – Il principio del risparmio responsabile


Lo studio Sustainability Trends 2022 di Kantar rivela grandi aspettative di responsabilità anche per il settore finance.


Dal 2020, l’uso che le banche e i player finanziari fanno del denaro è un tema di crescente interesse per i consumatori (+ 27% per il tema degli investimenti dal 2020).


"Anche se rendimento e redditività sono le query maggiormente ricercate, gli investimenti green e socialmente responsabili suscitano sempre più interesse con +80% di ricerche negli ultimi 2 anni".

Il termine governance ambientale e sociale (ESG) è stato infatti in media ricercato oltre 1,35 milioni di volte al mese dal 2017 ed è sempre più ricercato (+260% negli ultimi 2 anni).

Ci siamo. Finalmente posso dirti la mia.


Inizierò da un fattore molto semplice: rimanere indifferenti davanti a questi dati - credo - sarebbe un grosso errore.


Se la potente tecnologia odierna - ne disponiamo tutti - ci mostra a chiare lettere le intenzioni di ricerca di milioni e milioni di persone orientate verso una direzione specifica, allora non possiamo certo farci trovare impreparati.


Anche se, a dirla tutta, questi dati prendono in considerazione solo una parte della medaglia. Il compito più complicato é quello di riuscire a decifrare l'intento dietro la ricerca.


E questo non può farlo l'intelligenza artificiale.


Per quanto addestrato, per quanto addestrabile... un robot non saprà mai cosa si nasconde nella mente umana.


Perché non conosce i bisogni. Non conosce i desideri. Non conosce le speranze.

Non conosce le paure. E non conosce neppure un mix sfumato di tutti questi elementi.


Insomma... è vero che un robot (o un algoritmo) è costruito dall'uomo.

Ed è anche vero che il prodotto finale non conosce la natura umana.

Quindi - per quanto difficile da digerire - si tratta di un immenso vantaggio competitivo.


Serve soltanto il coraggio di osare: capire le aspettative dell'ospite, avventurarci negli abissi dei suoi desideri, delle sue paure, delle sue speranze e dei suoi bisogni... Ne sono sicura: a quel punto potrai dire di conoscere davvero il tuo ospite target e potrai aiutarlo ad orientarsi in mezzo alla giungla di proposte (spesso simili) contro le quali si imbatte tutti i giorni.


Ed è il motivo per cui, dopo 10 anni di studio e applicazione, ho creato "La bussola della gestione dell'ospite", adatta a tutti quegli operatori del settore accoglienza che desiderano ottenere soltanto ospiti felici ed aiutarli sinceramente.


Questa bussola ti aiuta ad individuare i 4 punti cardinali per la gestione dell’ospite “felice".


Più nella pratica:

  1. comprensione;

  2. processi;

  3. gestione;

  4. effetto wow.

Sono i concetti fondamentali che troverai esplorati in lungo e in largo nei vari capitoli del mio libro, "Metodo Hospitality”.


Se non hai ancora ordinato la tua copia, il mio umile consiglio è assicurartela (prima che sia troppo tardi) facendo clic su questo link.


Non penso sia un caso se... chi lo ha già acquistato...

lo definisce l'unico sistema che aiuta (in maniera concreta e senza inutili divagazioni) ad ottenere davvero più clienti più felici.


Si tratta di un manuale utile e pratico, da tenere costantemente sulla scrivania e da utilizzare come fosse la tua nuova bussola.


Un piccolo primo passo verso la totale dedizione ai tuoi ospiti.


È già successo con i miei studenti avanzati e succederà anche con te: gli ospiti non vedranno l'ora di rivederti e te lo diranno nell'esatto momento in cui ti lasceranno le loro testimonianze come persone soddisfatte del servizio e felici di fare affari con te.

Approfitta quindi del ridicolo prezzo che ho riservato per le ultime copie disponibili:

non ci sarà mai alcuna ristampa.


E ricorda: anche i più bravi - o i fuoriclasse - non possono compiere più di un singolo passo per volta. Quindi fai il tuo: ordina adesso la tua copia.


Un abbraccio e buon lavoro,

Stefi