Cerca
  • Stefania Salvatore

La nuova frontiera per i sogni dei wine lovers: trascorrere le proprie notti dentro botti di legno

Dormire in una botte é l’ultima tendenza richiesta dai turisti che affollano le rinomate strade del vino in Italia.


Certo, rimangono sempre valide le passeggiate tra i vigneti, le visite alle cantine dove lasciarsi ammaliare dal nettare di Bacco e le degustazioni dell’ultima vendemmia.


Tuttavia, gli amanti del buon vino ricercano nuove esperienze sempre più totalizzanti. E cosa c’è di meglio che pernottare in una stanza che richiama forme, colori, profumi delle antiche botti di legno... proprio lì dove il vino trascorre lunghi mesi per l’affinamento?

botti vino

Non sorprende quindi scoprire che ci sono posti nel mondo dove è possibile passare la notte all’interno di una vera e propria botte di legno, chiaramente modificata per regalare momenti di vero piacere.


Queste botti presentano un design sofisticato, progettato dai migliori architetti, che hanno pensato di unire l’aspetto tradizionale delle botti al comfort degli ambienti interni, tipico dei tempi moderni.


Si tratta di soluzioni di soggiorno che esaltano le caratteristiche del territorio, delle sue tradizioni, della vita e del lavoro di chi lo abita.


Le botti, proposte originali e inconsuete, rappresentano un investimento e un incentivo a conoscere e a esplorare aree di pregio paesaggistico, ambientale e produttivo, proprio come quelle vocate all’enologia.

In alcune proposte turistiche avremo a nostra completa disposizione non una, ma addirittura due botti. Una botte sarà infatti predisposta come camera da letto, con una rete a doghe perfettamente integrata ed un materasso tipo futon; dalla porta-finestra si ammira direttamente il paesaggio, tra monti e colline.

La seconda botte sarà divisa a metà: da una parte la zona colazione, dall’altra un bagno di servizio, spartano ma funzionale.


Sempre in armonia con il rispetto della natura e dell’ambiente troveremo ampia dotazione di impianti fotovoltaici e pannelli solari.


Questo perché una botte va vissuta, guardata, respirata… e descriverla renderebbe poco chiaro il concetto di "camera matrimoniale con bagno".

barrel hotel

L'esperienza in botte, a detta degli avventori, è piena di valori evocativi: lo storytelling ideale è quello capace di emozionare senza soffermarsi troppo sugli aspetti tecnico-produttivi del prodotto finale.


Sono e saranno sempre di più gli ospiti che ameranno il “contesto” in cui si produce il vino più del vino in quanto tale.


Attualmente, la fascia di età più rilevante è quella compresa tra i 30 ed i 50 anni.


Il dato interessante è che, oltre allo svago, si cercano delle vere e proprie opportunità di arricchimento personale.


Che poi è un po' quello che dovresti fare anche tu come professionista dell'accoglienza.


In fondo, cosa c'è di meglio di arricchirsi personalmente con una sana dose di cultura su un servizio di ospitalità suprema?


Ecco.


Non sono sicura tu lo sappia, ma tra pochissimi giorni uscirà il mio nuovo sforzo bibli0grafico, Brain Positioning.


Per la speciale occasione, il mio team ha deciso di offrire un regalo speciale a chi contribuirà alla sua divulgazione in forma attiva. Sì, è una prova basata sulla fiducia.


E in fondo non c'è niente di sbagliato in questo...


Quindi clicca questo link, aiutami nella divulgazione del mio ultimo lavoro...

... e mi muoverò in prima persona per ricompensarti come meriti.


A te la decisione.

La scelta è tua e soltanto tua.


Link: aiuta Stefi Salvatore

Un abbraccio,

Stefi