Cerca
  • Stefania Salvatore

La Sardegna tra le regioni con più immobili all'asta. La bellezza naturale non basta?

Aggiornamento: 19 feb

La fotografia che viene fuori dal sito www.astegiudiziarie.it, riservato alla pubblicazione degli avvisi di vendita e considerato leader del settore, è quella di un’isola in grossa difficoltà: un tessuto economico che arranca ulteriormente schiaffeggiato dalla pandemia.

In rapporto alla popolazione, la Sardegna è una delle regioni con il più alto numero di beni immobili all’asta: sono 1903, anche se il dato reale sarebbe superiore perché molti beni vengono divisi in più lotti così da abbassare il prezzo e agevolarne la vendita.


La provincia di Sassari, compresa anche la Gallura, è l’area che soffre di più nel territorio regionale.


Ma la caratteristica più allarmante è che la Sardegna svetta nella classifica degli alberghi/strutture ricettive all’asta: alle 26 presenti cinque anni fa (e delle quali solo alcune sono state aggiudicate) si aggiungono i maxi residence, caratterizzati da molti posti letto che vengono proposti in blocco perché non divisibili: è il caso di una struttura nella zona di Valledoria e di un’altra verso Santa Teresa, proposte a un prezzo base che supera i 4 milioni di euro.

Più contenute (sotto i 2 milioni) altre proposte nel Cagliaritano e ancora in Gallura.


Questi dati incontrovertibili dovrebbero portarci a riflettere su una questione spinosa ma vera: la bellezza naturale non basta senza le adeguate competenze manageriali, gestionali e di vendita.


Sono tutti punti sui quali batto con costanza.


Anche perchè nel 2022 troppe persone cercano ancora la via facile: la pillolina magica come nuova panacea per tutti i mali che pervadono il mondo dell'accoglienza e dell'ospitalità.


Ma se ragionassimo in profondità, apparirebbe chiaro come non ci sia niente di logico in tutto questo: con gli strumenti attuali, con le possibilità di analisi e tracciamento quasi infinite... perché barricarsi dietro posizioni obsolete e incompatibili con l'attuale mercato, soprattutto quando i numeri dicono che hai torto?


Quello che ricevo, invece, è caratterizzato da frasi come "Ma abbiamo sempre fatto così...".


La buona notizia è che puoi smettere di affidarti alla speranza in favore della pianificazione di una strategia con un approccio scientifico e replicabile.


La pandemia prima o poi passerà, ma i vecchi problemi di gestione rimarranno irrisolti. E non ci saranno più provvedimenti governativi e chiusure contro le quali puntare il dito.


Per tutta questa serie di motivi ho creato "La bussola della gestione del cliente".

Se ti sei perso questo precedente articolo, ti lascio il link per rispolverarlo: link.


Con questa bussola ti aiuto ad individuare i 4 punti cardinali per la gestione dell’ospite “felice", ovvero:

  1. comprensione del cliente;

  2. processi;

  3. gestione del cliente;

  4. esperienza.

Esprimo questi concetti fondamentali nei vari capitoli del libro "Metodo Hospitality”, un manuale indispensabile da avere sulla scrivania costantemente.

Se non hai ancora ordinato la tua copia, il mio umile consiglio è assicurartela (prima che sia troppo tardi) facendo clic su questo link.


Si tratta di un vero e proprio manuale utile e pratico, da tenere costantemente sulla scrivania e da utilizzare come fosse la tua nuova bussola. Approfitta quindi del ridicolo prezzo che ho riservato per le ultime copie disponibili: non ci sarà mai alcuna ristampa.


Non escluderti: ordina adesso la tua copia.


Un abbraccio e buon lavoro,

Stefi