Cerca
  • Stefania Salvatore

Questa mini-casa costa come un'utilitaria, la porti dove vuoi e ti risolve le vacanze per sempre


Le mini case ormai non sono più una novità. Un tempo esistevano solo quelle tradizionali: le baite, i rifugi, i piccoli chalet e i bungalow immersi nella natura. Poi, con gli anni, l'idea di occupare meno spazio e avere case piccole funzionali si è diffusa.


Oggi le mini case sono una realtà affermata e amata da moltissimi, famiglie comprese. Sono case che vanno dai dieci ai quaranta metri quadri e che, con un mix di intelligenza organizzativa e design, contengono davvero tutto quello che serve.


I costi, però, sono il vero punto forte di queste strutture: si riesce agilmente ad avere una propria casa abitabile tutto l'anno a un quinto del prezzo (se non addirittura meno) di quanto si spenderebbe per una casa tradizionale.


In questo caso le mini-case trasportabili sono una soluzione eccezionale. Perché non sono solamente piccole, funzionali ed economiche ma consentono anche di essere spostate a proprio piacimento, un po' come se fossero delle grandi roulotte.


Le case trasportabili possono costare anche solo 20 mila euro e hanno molti pregi, soprattutto consentono di aggirare molta burocrazia. Se per esempio volessimo avere una mini casa in un nostro terreno in campagna, dovremmo avere dei permessi per la sua costruzione. Ma se invece la struttura non è fissa, semmai mobile, ecco che le lungaggini burocratiche e i permessi non servono.


Escape è una delle aziende produttrici di mini-case più famose e rinomate al mondo. Alcune case prodotte da Escape sono finite su riviste, documentari e video su YouTube con milioni di visualizzazioni. Insomma, sono in tanti a volerne una ma oggi c'è una novità: Escape darà alcune sue case gratis. Senza nemmeno dover pagare il costo del trasporto.


Può sembrare un'idea strana, o assurda, eppure dal punto di vista dell'azienda ha perfettamente senso. C'è chi, quando ha sentito la notizia, ha pensato fosse una trovata pubblicitaria: poche case regalate per far parlare del brand? No, non è così, le case in regalo sono tantissime e il motivo è completamente diverso.

Escape sta regalando così tante case perché ha deciso di investire negli affitti a breve termine. Il programma, che chi riceve la casa in regalo deve accettare e firmare, prevede che il proprietario disponga della mini-casa per una parte del tempo e nel restante la casa sia messa in affitto.

I guadagni degli affitti vanno al 60% ad Escape e al 40% restante ai proprietari della casa, che naturalmente (si presume che la mini-casa sia nel loro cortile o terreno) dovranno accogliere gli ospiti e occuparsi di tutto il necessario.


In sostanza chi riceve una mini-casa gratis da Escape diventa un "partner dell'azienda" come ha detto lo stesso amministratore delegato Dan Dobrowolski. L'idea è quella di approfittare del grande successo degli affitti brevi e legarlo a un altro successo in ascesa, quello delle mini-case.


Sono già tantissime le prenotazioni, con addirittura lunghe liste d'attesa.

Questo perché l'attrazione degli ospiti è un asset imprescindibile per ogni struttura ricettiva alberghiera o extra-alberghiera.


E visto che le scelte sono influenzate dalla percezione...


Potrai imparare ad aumentarla sfogliando le pagine del mio ultimo sforzo bibliografico, Brain Positioning.

A giudicare dai primi feedback ricevuti, posso dirti che é un libro concreto, pratico e che va dritto al punto senza troppi fronzoli.


E che risolve tanti dubbi in cambio di una cifra veramente ridicola.


Quindi, a meno che tu non voglia rimandare ulteriormente la tua sete di conoscenza e successo, la soluzione più logica è approfittarne adesso con un semplice clic su questo link: Brain Positioning

In questo momento non ho nulla da prometterti come Bonus o offerte speciali...


... ma ti giuro che mi muoverò in prima persona per ricompensarti come meriti.


Ad ogni modo hai pieno potere decisionale. La scelta è tua e soltanto tua.


Ti ricordo il link: Brain Positioning


Un abbraccio e buon lavoro,


Stefi