Cerca
  • Stefania Salvatore

Se ami i selfie, non puoi fare a meno di scattarne uno davanti ai murales di questa città pazzesca

Probabilmente anche tu, come me, hai tantissime fotografie che popolano lo smartphone ed il profilo Instagram. E che immortalano i momenti significativi dei viaggi più belli che hai fatto.


Alcuni scatti saranno dedicati alle meraviglie firmate direttamente dalla natura, tra cui mari, laghi, boschi e tramonti mozzafiato. Altri, invece, li avrai dedicati alle città e ai colori, gli stessi che permettono di avere un feed di tendenza destinato a fare incetta di like. Poi ci sono i selfie, quelli che scattiamo scegliendo chirurgicamente le cornici che faranno da sfondo alle nostre fotografie più belle.

tramonto

Ma se ami l’autoscatto, allora non puoi rinunciare a raggiungere Cantarranas. Conosciuto come il paese dei murales, questo piccolo e colorato paese dell’Honduras ha fatto sua la fama di città dei selfie.


Il motivo? Scopriamolo insieme.

selfie

Tra le strade di Cantarranas


Un viaggio insolito, particolare e lontano dai sentieri più battuti del turismo di massa...

... che ci porta direttamente in Honduras.


Il Paese dell’America Centrale, bagnato dal Mar dei Caraibi a nord e dall’Oceano Pacifico a sud, ospita un luogo straordinario che lascia senza fiato tutti gli avventurieri che si spingono fin qui. Ti sto parlando di Cantarranas, noto come paese dei murales, perché in effetti l’arte di strada è l'assoluta protagonista. È praticamente impossibile trovare edifici, case o strutture che non siano state sapientemente valorizzate con la street art. Quello che è emerge, guardando la città nella sua totalità, è una galleria d’arte a cielo aperto in cui le opere murarie sembrano quasi prendere vita.


Cantarranas non é una destinazione comune tra i turisti, che sono più affascinati dal mare e dalla natura che caratterizza l’Honduras. Ma questa città è davvero straordinaria, così come i suoi murales e la sua storia.

Honduras

La città dei selfie


La riqualificazione di Cantarranas - che dà alla città il suo aspetto attuale - affonda le sue motivazioni in un destino condiviso da svariati territori del mondo.


Mentre alcune destinazioni sono costrette ad affrontare le conseguenze di un turismo di massa troppo invasivo, ne abbiamo altre che sentono l’esigenza di attirare i viaggiatori per trasformare il turismo in una fonte economica.


Ed è questo il caso della città dell’Honduras che, negli ultimi anni, si è trasformata in un museo a cielo aperto, lo scenario ideale per scattare il selfie perfetto e condividerlo subito dopo tramite i social.


Cantarranas é passata da antico centro minerario a città dei selfie. Tutto grazie alle opere che campeggiano sulle facciate degli edifici in stile coloniale e che colorano le strade e le piazze in maniera sorprendente.

I murales, che portano la firma degli artisti locali, raccontano il vasto e variegato territorio del Paese: foreste, flora e fauna, scene di vita urbana e rurale. C’è un grande disegno che incornicia le strade della città e tutti quei percorsi che i cittadini e i viaggiatori attraversano ogni giorno.


È proprio qui, dopo la riqualificazione urbana, che i turisti scelgono di fermarsi. Per guardare le opere, per immortalare con lo smartphone quel tripudio di arte e colore che esplode in ogni angolo della città e per scattarsi numerosi selfie da condividere.

https://www.visitcentroamerica.com/

L'aumento del flusso turistico, attratto da questi disegni artistici, ha evidenziato una caratteristica molto precisa del popolo onduregno: l'accoglienza.


Anzi, ti dirò di più: anche se risulta tra i paesi più poveri dell'America Centrale, il turista é sempre accolto con una festa. Le braccia degli abitanti sono sempre aperte. Ti ricorda qualcosa una simile immagine?

L'accoglienza superlativa è il motivo per cui, dopo 10 anni di studio e applicazione, ho creato "La bussola della gestione dell'ospite", adatta a tutti quegli operatori del settore ricettivo che desiderano ottenere soltanto ospiti felici ed aiutarli sinceramente.


Questa bussola ti aiuta ad individuare i 4 punti cardinali per la gestione dell’ospite “felice".


Più nella pratica:

  1. comprensione;

  2. processi;

  3. gestione;

  4. effetto wow.

Sono i concetti fondamentali che troverai esplorati in lungo e in largo nei vari capitoli del mio libro, "Metodo Hospitality”.


Se non hai ancora ordinato la tua copia, il mio umile consiglio è assicurartela (prima che sia troppo tardi) facendo clic su questo link.


Non penso sia un caso se... chi lo ha già acquistato...

lo definisce l'unico sistema che aiuta (in maniera concreta e senza inutili divagazioni) ad ottenere davvero più clienti più felici.


Si tratta di un manuale utile e pratico, da tenere costantemente sulla scrivania e da utilizzare come fosse la tua nuova bussola.


Un piccolo primo passo verso la totale dedizione ai tuoi ospiti.


È già successo con i miei studenti avanzati e succederà anche con te: gli ospiti non vedranno l'ora di rivederti e te lo diranno nell'esatto momento in cui ti lasceranno le loro testimonianze come persone soddisfatte del servizio e felici di fare affari con te.

Approfitta quindi del ridicolo prezzo che ho riservato per le ultime copie disponibili:

non ci sarà mai alcuna ristampa.


E ricorda: anche i più bravi - o i fuoriclasse - non possono compiere più di un singolo passo per volta. Quindi fai il tuo: ordina adesso la tua copia.


Un abbraccio e buon lavoro,

Stefi