Cerca
  • Stefania Salvatore

Sigilli per un nuovo albergo da incubo: condizioni igieniche pietose e camere senza acqua corrente

Hotel da incubo. Che truffano i clienti. Che non rispettano alcuna norma, da quelle sanitarie fino all’antincendio. Che accolgono gli ospiti senza nemmeno registrarli, e che naturalmente incassano soldi in nero.


L'estate 2022 ha visto come assoluto protagonista un hotel della Riviera Romagnola che ha raggirato almeno 500 turisti e numerosi fornitori, provocando danni per oltre 800mila euro secondo le associazioni e gli avvocati scesi in campo in difesa dei truffati. Il gestore è indagato per truffa e l’inchiesta sembrerebbe destinata ad allargarsi per coinvolgere altre persone.

Pochi giorni fa un’altra ordinanza di chiusura: nella struttura incriminata mancava l’acqua corrente e le condizioni sanitarie al momento dei controlli sono risultate vergognose. Gli ospiti? Sgomberati. Quindi ieri mattina sono scattati i sigilli all’albergo. Il proprietario ha provato a difendersi: "Purtroppo, per motivi familiari, negli ultimi mesi non mi sono potuto dedicare alla gestione dell’hotel. Ho scoperto che il mio collaboratore principale si era intascato i soldi destinati al pagamento delle bollette. L’ho già denunciato per truffa, ma nel frattempo la situazione è scoppiata".


Alla struttura è stata staccata la corrente elettrica a causa delle bollette non pagate.


Sempre pochi giorni fa, la Polizia ha scoperto che in un albergo soggiornavano vari lavoratori stagionali, dipendenti di altri hotel, ospitati senza essere nemmeno una registrazione da parte dai gestori.


"Contro certi gestori serve il pugno duro – attacca Patrizia Rinaldis, presidente di Aia (l’associazione albergatori) – perché con i loro comportamenti rovinano l’immagine della nostra categoria".

Tornando a noi, e fermo restando che saranno i giudici a stabilire la veridicità delle affermazioni, penso sia assurdo delegare in toto la gestione di una struttura ricettiva e della relativa accoglienza.


Credo sia indice di scarso interesse, scarso impegno e zero attenzione.


L'esatto opposto rispetto a quello che ti consiglio di fare per ottenere il successo che meriti.


I tuoi ospiti hanno bisogno di sentirsi speciali e ricevere coccole e attenzioni, non certo esperienze al limite della legalità nel nome di una spaventosa avidità.


Solo così otterrai ospiti felici e che faranno a gara per raccontare a tutti quanto l'esperienza nella tua struttura sia davvero sensazionale e impareggiabile.


Proprio in quest'ottica, ho preparato per te un facilitatore.


Immaginalo come un condensato di tutti gli studi e gli errori commessi in più di dieci anni di attività di consulenza nel settore del turismo e dell'accoglienza.


Anche perché, con l'offerta che c'è in giro, non ti sarà concessa una seconda chance.

E questo significa che non puoi sbagliare.


Quindi è meglio fidarsi di chi è già passato attraverso i cerchi di fuoco...

E si è tuffato ad investire nel mio libro, Metodo Hospitality.


Non penso sia un caso se... chi lo ha già acquistato...

lo definisce l'unico sistema che aiuta (in maniera concreta e senza inutili divagazioni) ad ottenere davvero più clienti più felici.


Si tratta di un manuale utile e pratico, da tenere costantemente sulla scrivania e da utilizzare come fosse la tua nuova bussola.


Un piccolo primo passo verso la totale dedizione ai tuoi ospiti.


È già successo con i miei studenti avanzati e succederà anche con te: gli ospiti non vedranno l'ora di rivederti e te lo diranno nell'esatto momento in cui ti lasceranno le loro testimonianze come persone soddisfatte del servizio e felici di fare affari con te.

Approfitta quindi del ridicolo prezzo che ho riservato per le ultime copie disponibili:

non ci sarà mai alcuna ristampa.


E ricorda: anche i più bravi - o i fuoriclasse - non possono compiere più di un singolo passo per volta. Quindi fai il tuo: ordina adesso la tua copia.


Un abbraccio e buon lavoro,

Stefi