Cerca
  • Stefania Salvatore

Turismo, boom delle vacanze open air: sono la scelta di cinque milioni di italiani

Le vacanze all'aria aperta piacciono sempre di più e sembrano essere il must post-pandemia per gli italiani: due su tre, infatti, ammettono che dall'inizio della pandemia la loro propensione a svolgere all'aperto le vacanze è cresciuta.


La conferma arriva da uno studio sul turismo outdoor realizzato da Enit-Agenzia nazionale del turismo e Human Company in collaborazione con Istituto Piepoli.


Non a caso si prevede un'estate in linea con quella del 2019, se non addirittura superiore. Se, nel dettaglio, più di un italiano su due (52%) ha programmato una vacanza, il dato significativo è che tra questi uno su cinque pianifica una struttura outdoor, con predilezione per villaggi e agriturismi.

Oltretutto altri aspetti interessanti emergono da questa indagine: tra i propensi alla vacanza, il turista open air non solo è il più fidelizzato (l'82% si dichiara pronto a partire), risulta anche il più orientato a prolungare il soggiorno. Per il 24% dei turisti outdoor la vacanza sarà più lunga, mentre resterà invariata per gli altri.


Tra le mete, l'Italia si conferma anche quest'anno la favorita dai turisti outdoor con l'88% delle preferenze. A livello regionale tra le preferenze prevale la Puglia (18%), seguita da Toscana (11%) e Sardegna (10%).


"L'identikit della vacanza degli italiani per l'estate del 2022 è piuttosto definito. Gli italiani cercano soprattutto località di mare, le cercano in Italia, e cercano ampi spazi all'aperto per sfuggire ai rischi del contagio. La propensione all'open air, che sembrava solo una risposta alla pandemia, è diventata in fretta un nuovo punto fisso delle vacanze italiane e probabilmente resterà abitudine anche per gli anni a venire" sostiene Livio Gigliuto, vice presidente dell'Istituto Piepoli.

salento

A quanto pare la formula open air piace sempre di più e non solo per lo stretto contatto con la natura. È l’incremento dei servizi dedicati, unito ad ogni tipo comfort, a risultare vincente.


E forse è proprio per questo che il comparto dell'open air è riuscito negli ultimi anni a guadagnarsi e conquistare la fiducia degli italiani grazie alla propria capacità di evolversi, soprattutto intercettando necessità e richieste dei nuovi target di riferimento.


Perchè se è vero che da una parte la pandemia ha avvicinato le persone a un concetto di turismo più consapevole e di prossimità, dall'altra questo segmento ha saputo trasformarsi, per offrire servizi di qualità e coccolare i clienti pur di renderli felici a tutti i costi.

Ma torniamo a noi.


Abbiamo appena visto come le vacanze open air riescano ad attrarre sempre più turisti.


Tuttavia, reputo il concetto dell'aria aperta un po' troppo blando e dispersivo. E infatti questo target non è ancora ben definito.


Una situazione abbastanza spiacevole per il marketing, perché ci costringe ad elaborare messaggi generalisti con poche possibilità di risuonare con uno specifico segmento.


Allora, in questi casi, bisogna compiere uno sforzo in più.


Come sottolineo sempre, si tratta del coraggio di osare: capire le aspettative dell'ospite, avventurarci negli abissi dei suoi desideri, delle paure, delle speranze e dei bisogni... ... perché questo ci permetterà di eccellere rispetto agli standard (spesso bassi) dei nostri diretti competitor.


Ne sono sicura: a quel punto potrai dire di conoscere davvero il tuo ospite target e lo aiuterai a districarsi al meglio in mezzo alla giungla di proposte inutili (e talvolta poco chiare).


Ed è il motivo per cui, dopo 10 anni di studio e applicazione, ho creato "La bussola della gestione dell'ospite", adatta a tutti quegli operatori del settore accoglienza che desiderano ottenere soltanto ospiti felici ed aiutarli sinceramente.


Questa bussola ti aiuta ad individuare i 4 punti cardinali per la gestione dell’ospite “felice".


Più nella pratica:

  1. comprensione;

  2. processi;

  3. gestione;

  4. effetto wow.

Sono i concetti fondamentali che troverai esplorati in lungo e in largo nei vari capitoli del mio libro, "Metodo Hospitality”.


Se non hai ancora ordinato la tua copia, il mio umile consiglio è assicurartela (prima che sia troppo tardi) facendo clic su questo link.


Non penso sia un caso se... chi lo ha già acquistato...

lo definisce l'unico sistema che aiuta (in maniera concreta e senza inutili divagazioni) ad ottenere davvero più clienti più felici.


Si tratta di un manuale utile e pratico, da tenere costantemente sulla scrivania e da utilizzare come fosse la tua nuova bussola.


Un piccolo primo passo verso la totale dedizione ai tuoi ospiti.


È già successo con i miei studenti avanzati e succederà anche con te: gli ospiti non vedranno l'ora di rivederti e te lo diranno nell'esatto momento in cui ti lasceranno le loro testimonianze come persone soddisfatte del servizio e felici di fare affari con te.

Approfitta quindi del ridicolo prezzo che ho riservato per le ultime copie disponibili:

non ci sarà mai alcuna ristampa.


E ricorda: anche i più bravi - o i fuoriclasse - non possono compiere più di un singolo passo per volta. Quindi fai il tuo: ordina adesso la tua copia.


Un abbraccio e buon lavoro,

Stefi