Cerca
  • Stefania Salvatore

Aria di crisi? Ecco in quanti si sposteranno - nonostante tutto - per il ponte di Ognissanti

Anche se tutti parlano dell'eterna crisi - che in diversi casi è reale - il prossimo "ponte" per ritagliarsi degli spazi personali non passerà in sordina.


Dato che il 1° novembre, giorno da sempre “rosso” sul calendario, risulterà un martedì, alcuni ne approfitteranno per una nuova mini-vacanza.


Stando alle previsioni di Federalberghi, il giro di affari sarà di circa 3 miliardi e mezzo, quasi il 10% in più rispetto allo scorso anno, con circa 11 milioni e 800mila italiani che partiranno.

viaggio

In Italia o all'estero?


Il 95,9 (contro il 90,5% dello scorso anno) dei viaggiatori rimarrà all'interno dei confini nazionali. Tra questi, il 71,5% sceglierà destinazioni nella regione di residenza.


Vacanze in Italia


La prima scelta ricadrà sulle località d’arte (25%), seguite da montagna (21,7%) e mare (20,9%).


Vacanze all'astero


Chi andrà all’estero muoverà verso le grandi capitali europee (68,2%). A seguire, le località di mare (13,7%), le capitali extra-europee (13,6%) e la montagna (4,5%).

castello di Praga
Castello di Praga

La motivazione primaria


La maggioranza degli intervistati (59,5%) andrà in vacanza cercando il relax, mentre il 31,2% (contro il 21,4% dello scorso anno) utilizzerà questo ponte per raggiungere i propri familiari,

come conseguenza agli aumenti del prezzo dei carburanti, dell’energia e della quasi totalità dei beni di prima necessità.


Dove alloggiare


La casa di parenti e amici sarà la scelta privilegiata per il 28,6% dei vacanzieri. Poi alberghi, residence e villaggi (25,8%), bed & breakfast (15,4%), casa di proprietà (15,2%).

Durata del soggiorno


La durata media sarà di 3/4 notti trascorse fuori casa.

camera hotel

I capitoli di spesa


Il 32,7% del budget di chi andrà in vacanza sarà destinato ai pasti, il 22,8% alle spese di viaggio, il 22,3% al pernottamento e il 10,1% allo shopping.


La spesa media


La spesa media, comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti, si attesterà sui 389 euro a persona. Come di consueto, la spesa media per i viaggi in Italia (368 euro) sarà inferiore rispetto a quella per i viaggi all’estero (694 euro).



Chi non va in vacanza


Il 21,2% rinuncerà a spostarsi per motivi familiari. Il 13% per motivi di salute. Ma nel 62,4% dei casi si rinuncia alla vacanza per mancanza di soldi.

Soldi che sono importanti, ci mancherebbe.


Non ho alcuna intenzione di snobbarli, né di dire che "basta crederci forte forte e poi tutto andrà meglio". Tuttavia, soldi o non-soldi, la tua struttura ricettiva deve comunque andare avanti. E quando il bacino di utenti si restringe, il rischio concreto é trovarsi con l'offerta superiore alla domanda... Ma a quel punto comincerà la guerra al ribasso pur di accaparrarsi un ospite...


Ed é una situazione abbastanza scomoda nella quale operare. Quindi, se vuoi evitare di muoverti nelle sabbie mobili, il mio umile consiglio é quello di affidarti ad un metodo scientifico che ti darà tutti gli strumenti utili per evitare come la peste di sfidare i tuoi competitor al ribasso. Questo perché meriti di avere i margini che sogni, e sai bene che non li potrai ottenere svendendo. In definitiva, la buona notizia, é che ti basta risparmiare 60 centesimi al giorno per il prossimo mese.

E potrai mettere le mani su Metodo Hospitality

A quel punto avrai il gruzzoletto da investire su quello che altri tuoi colleghi definiscono "L'unico sistema che aiuta (in maniera concreta e senza inutili divagazioni) ad ottenere davvero più clienti più felici".


Si tratta di un manuale utile e pratico, da tenere costantemente sulla scrivania e da utilizzare come fosse la tua nuova bussola.

Approfitta oggi del ridicolo prezzo che ho riservato per le ultime copie disponibili:

non ci sarà mai alcuna ristampa.


Ordina adesso la tua copia.


Un abbraccio e buon lavoro,

Stefi