top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreStefania Salvatore

Crudi di mare a € 1.500,00 e bottiglie di vino pregiate a € 32.000,00...non è la Costa Smeralda...

Nel panorama culinario della Sardegna, esiste un luogo dove l'eccellenza culinaria si fonde con il lusso e la raffinatezza, offrendo un'esperienza indimenticabile ai suoi ospiti.


Non stiamo parlando della rinomata Costa Smeralda, ma di un angolo segreto dell'Isola della Maddalena: Porto Massimo. Qui, sorge un ristorante che ha conquistato il cuore dei VIP e degli intenditori del buon cibo: La Scogliera.

La Scogliera si distingue per la sua eccellenza culinaria, proponendo una vasta selezione di crudi di mare pregiati. I clienti possono deliziarsi con una varietà di frutti di mare freschi e prelibati, serviti in un'atmosfera elegante e sofisticata. La qualità degli ingredienti è una priorità assoluta per il ristorante, che si impegna a offrire solo il meglio ai suoi ospiti.

Sebbene la Costa Smeralda sia famosa per i suoi prezzi alti e la sua vita da red carpet, La Scogliera offre un'alternativa altrettanto esclusiva, ma in una location meno conosciuta e più intima. Porto Massimo, con la sua bellezza naturale e la sua atmosfera autentica, è diventato un luogo di ritrovo per coloro che desiderano sfuggire alla folla e godersi una serata di lusso in un'atmosfera più tranquilla e riservata.

Tuttavia, bisogna sottolineare che l'esclusività di La Scogliera si riflette anche nei prezzi. Le prelibatezze offerte, come i crudi di mare pregiati, hanno un costo di € 1.500,00, mentre le bottiglie di vino pregiate raggiungono i € 32.000,00. Questi prezzi possono sembrare elevati, ma riflettono un nuovo trend in continua crescita "la natura incontaminata e la possibilità di mangiare con i piedi sulla sabbia, senza fronzoli".


Il proprietario - Andrea Orecchioni - intervistato a Cartabianca dice: "Le persone possono mangiare da noi e guardare il proprio yacht da vicino".

Anche Flavio Briatore, nella stessa intervista ha detto la sua "Quando qualcuno paga una bottiglia di vino € 30.000,00, lo Stato ne incassa € 6.000,00 di IVA. Perchè avete questo odio contro chi ha più soldi e può spenderli?". Concetti già espressi nel suo libro "Sulla ricchezza. Se l'Italia non vuole il benessere, è perfetta così"

"Apriti cielo". Le parole di Flavio Briatore rivolte a un gruppo di imprenditori e amministratori locali sono risuonate come se avesse bestemmiato in chiesa. Eccola l'Italia che arranca e che sprofonda con tutti i suoi tesori artistici e paesaggistici, l'Italia che non riesce a sfruttare e valorizzare le innumerevoli risorse che la natura e la storia le hanno donato. Perché serve a poco vantarsi di avere il maggior numero di siti Unesco rispetto a qualunque altro Paese, se poi da quell'immane patrimonio ricavi la metà della Francia.


Perché gli stranieri che vengono a trovarci passano sempre meno tempo da noi, e lasciano sempre meno soldi. Però guai a parlare di lusso, che non fa pugni con le vacanze di massa ma ci potrebbe andare a braccetto. Guai a parlare di grandi manifestazioni, bloccate per impedire gli affari dei cosiddetti palazzinari. Guai a parlare di grandi opere, che dovrebbe essere un simbolo per collegare, unire, accorciare le distanze, invece diventano l'emblema del «non siamo in grado di realizzarlo». Eccola l'Italia che si arrende ancora prima di combattere, che rimane ferma ai box e che non prova neppure a scendere in pista. Il Paese nel quale la ricchezza e il benessere non sono obiettivo collettivo da raggiungere, un premio del lavoro, ma una colpa da nascondere. L'invidia sociale come malattia mortale dell'italiano, come diceva Indro Montanelli.


Ma alla fine i conti non tornano, per tutti, se nel turismo l'Italia non ha che un terzo degli occupati diretti della Germania. E se il nostro Mezzogiorno, con i suoi innumerevoli patrimoni dell'umanità, più di tutto il Regno Unito messo insieme, incassa la miseria di 3 miliardi di dollari contro i 45 dell'Inghilterra. Il turismo, ovviamente, non è che un aspetto di questa analisi, ma pure una perfetta cartina di tornasole Se non è il benessere, l'occupazione, la crescita e, sì, la ricchezza ciò che questo Paese vuole per se stesso, allora «siamo perfetti così», dice Briatore. In caso contrario, bisogna cambiare. E in fretta, perché mentre noi polemizziamo immobili con le nostre deprimenti diatribe sui decimali di PIL, gli altri corrono.


Ma come puoi fare ad essere percepito non come una commodity, ma come l'unico che può erogare quel servizio?


Vuoi scoprire come aumentare le vendite e gli incassi con l’efficacia disarmante dell’accoglienza?


Se stai leggendo questo articolo di certo hai risposto "Sì" ad entrambe le domande.


Il metodo hospitality, il mio penultimo libro, ti insegna la filosofia basata sull'offrire un servizio eccellente ai clienti, mettendo le loro esigenze al centro di ogni interazione e transazione.

L'obiettivo principale è creare un'esperienza positiva e memorabile per il cliente, in modo che si senta accolto, soddisfatto e desideri tornare o raccomandare l'azienda ad altri.


Le aziende che adottano il metodo hospitality pongono molta attenzione all'ascolto attivo, cercando di comprendere appieno le esigenze, le preferenze e le aspettative dei clienti. Utilizzano queste informazioni per personalizzare l'offerta di prodotti o servizi, offrire un servizio cortese e professionale, risolvere eventuali problemi o lamentele in modo tempestivo ed efficace e superare le aspettative dei clienti.


Tuttavia, il nostro aiuto non è incondizionato. Il marketing ha bisogno di studio, ricerca, pianificazione e costante applicazione per restituirti i risultati che meriti. Questo significa che io non posso aiutare imprenditori impazienti o con situazioni di vendita prossime alla disperazione. Al contrario, se stai leggendo questa pagina con gli occhi dell’ambizione accompagnati dalla virtù della pazienza… … e vuoi sfruttare una squadra di esperti del marketing a risposta diretta e della pre-suasione che ti permetta di:


  1. Aumentare le vendite e gli incassi con i tuoi clienti migliori

  2. Mantenere i clienti attivi per un periodo più lungo

  3. Acquisire nuovi clienti simili a quelli esistenti, pronti a spendere di più…

Inizia con il primo step!


Ovvero, acquista il libro, leggilo e riscatta la tua call gratuita di analisi.

L’esito della call ti dirà se la squadra strategica è in grado di iniziare a lavorare con te fin da subito, perchè a volte sono necessari dei lavori da parte tua.


Se l’esito della call sarà positivo, ti chiameremo per una prima parte detta “Kick off”, utile ad analizzare le tue esigenze specifiche.


L’assenza di materiali di marketing a risposta diretta o di budget dedicato al marketing rappresentano un forte deterrente.


A te la decisione.


La scelta è tua e soltanto tua.


Non perdere questa grande occasione ed ordina adesso la tua copia!



Un abbraccio e buon lavoro,




Comentários


bottom of page