Cerca
  • Stefania Salvatore

Esplorare lo spazio da una mongolfiera: la nuova proposta della Spaceship Neptune

Immaginiamo di sorseggiare un drink mentre stiamo comodamente seduti in un bar-mongolfiera che viaggia nello spazio.


Sembra fantascienza, eppure sta diventando realtà.


Ci ritroveremo ad un passo dei cancelli dello Spazio, a bordo di una lussuosa cabina con barman a bordo.


Questo perché Space Perspective si prepara ad inaugurare la nuova frontiera del turismo spaziale: la startup californiana offrirà presto la possibilità di prenotare il viaggio a bordo di una capsula pressurizzata in grado di rimanere - per due ore - a 30 mila metri sopra il livello del mare grazie ad un pallone areostatico grande quanto uno stadio da calcio.


Se Virgin Galactic e Blue Origin puntano sui razzi e sugli spazioplani per replicare la stessa esperienza vissuta dagli astronauti, questa nuova azienda ha scelto un approccio decisamente più ‘light’ — con l’ovvio vantaggio di abbattere significativamente i costi.


I biglietti per salire a bordo della Spaceship Neptune partono da poco più di 100.000 dollari.


Tanto? Forse sì, ma niente in confronto a quanto chiedono le aziende di Richard Branson e Jeff Bezos.

Mongolfiera spaziale
Spaceship Neptune – Spaceperspective.com


La Spaceship Neptune


Secondo Jane Poytner, co-fondatrice e co-CEO di Space Perspective, il viaggio sarà molto dolce e senza intoppi, garantendo ai passeggeri un’esperienza simile a quella degli astronauti. L'orario di decollo sarà previsto poco prima dell’alba, in modo da godere della vista migliore in assoluto. Infatti, la cabina della Spaceship Neptune offre una vista a 360 gradi grazie ad un’enorme finestra panoramica.


Perfino il bagno della capsula ha un oblò per osservare lo Spazio.


Il primo volo di prova pilotato, se tutto andrà bene, dovrebbe avvenire nel 2023, mentre per i primi viaggi commerciali bisognerà attendere il 2024.


Space Perspective ha presentato gli interni della sua lussuosa capsula in occasione dell’anniversario dell’impresa del cosmonauta Jurij Gagarin, il primo uomo ad aver raggiunto lo Spazio.

La Spaceship Neptune offrirà almeno due diverse configurazioni.


Una delle immagini mostra la cabina allestita con alcune poltrone reclinabili, in modo da ospitare circa una dozzina di persone.


L’altra immagine lascia trasparire un allestimento ancora più esclusivo, con quelli che sembrano dei divanetti in pelle degni di un autentico privé.


Un portavoce dell’azienda ha spiegato che la capsula potrà essere affittata per eventi speciali, tra cui feste private e cene a lume di candela.


La cabina, tra le altre cose, include anche un telescopio per osservare i corpi celesti e i pianeti in un modo che non sarebbe possibile dalla Terra e diversi schermi interattivi.

Ora ti chiedo: come definiresti questa proposta... se non unica ed esclusiva?


Hai ragione. È davvero unica ed esclusiva.


Che poi, magari, nel futuro il turismo spaziale prenderà sempre più piede.

Ma finché rimarrà una nicchia per ultra-miliardari non dobbiamo preoccuparcene.


Quindi, fino a quando il turismo sulla terraferma rimarrà una valida attrattiva, tutti i nostri sforzi dovranno essere rivolti all'accoglienza degli ospiti che, grazie al marketing, arriveranno a preferire la nostra struttura rispetto alle altre e chiudendo il puzzle.

Tuttavia, per attrarre più clienti dovrai conoscerli in profondità: meglio conoscerai i tuoi ospiti e meglio saprai soddisfare le loro aspettative.


Si chiama coraggio di osare: capire le aspettative dell'ospite, avventurarci negli abissi dei suoi desideri, delle sue paure, delle sue speranze e dei suoi bisogni... Così potrai eccellere rispetto agli standard (spesso bassi) dei competitor.


Ne sono quasi sicura: a quel punto potrai dire di conoscere davvero il tuo ospite target, aiutandolo ad orientarsi in mezzo alla giungla di proposte (spesso simili) contro le quali si imbatte tutti i giorni.


Ed è il motivo per cui, dopo 10 anni di studio e applicazione, ho creato "La bussola della gestione dell'ospite", adatta a tutti quegli operatori del settore accoglienza che desiderano ottenere soltanto ospiti felici ed aiutarli sinceramente.


Questa bussola ti aiuta ad individuare i 4 punti cardinali per la gestione dell’ospite “felice".


Più nella pratica:

  1. comprensione;

  2. processi;

  3. gestione;

  4. effetto wow.

Sono i concetti fondamentali che troverai esplorati in lungo e in largo nei vari capitoli del mio libro, "Metodo Hospitality”.


Se non hai ancora ordinato la tua copia, il mio umile consiglio è assicurartela (prima che sia troppo tardi) facendo clic su questo link.


Non penso sia un caso se... chi lo ha già acquistato...

lo definisce l'unico sistema che aiuta (in maniera concreta e senza inutili divagazioni) ad ottenere davvero più clienti più felici.


Si tratta di un manuale utile e pratico, da tenere costantemente sulla scrivania e da utilizzare come fosse la tua nuova bussola.


Un piccolo primo passo verso la totale dedizione ai tuoi ospiti.


È già successo con i miei studenti avanzati e succederà anche con te: gli ospiti non vedranno l'ora di rivederti e te lo diranno nell'esatto momento in cui ti lasceranno le loro testimonianze come persone soddisfatte del servizio e felici di fare affari con te.

Approfitta quindi del ridicolo prezzo che ho riservato per le ultime copie disponibili:

non ci sarà mai alcuna ristampa.


E ricorda: anche i più bravi - o i fuoriclasse - non possono compiere più di un singolo passo per volta. Quindi fai il tuo: ordina adesso la tua copia.


Un abbraccio e buon lavoro,

Stefi