top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreStefania Salvatore

Paura di volare? Ecco alcuni consigli per superare l'aerofobia

L'emozione di viaggiare verso terre sconosciute è davvero qualcosa di indescrivibile, anche se a volte potremmo trovarci a dover affrontare alcune insidie.


Cosa succede - infatti - quando la paura di volare minaccia un'esperienza così straordinaria?


Beh, in primo luogo ti direi che non dovresti nutrire le tue paure con azioni di evitamento.


Ma so bene che, come tutte le emozioni, la paura ha una funzione adattiva: protegge l'individuo di fronte a un pericolo o a una minaccia, reale o immaginaria che sia.

Come dicevo prima, la paura di volare non dovrebbe mai impedirti di esplorare il mondo e di vivere avventure straordinarie.


Ed è il motivo per cui Vueling, la compagnia aerea low cost spagnola, ha appena ideato un curioso metodo per superare l'aerofobia e aiutare i passeggeri a vivere il volo con fiducia.


Questo perchè la paura di volare, conosciuta come aerofobia, può essere una forma paralizzante di ansia.


La sensazione di essere chiusi in una cabina a migliaia di metri da terra, senza alcun controllo, può far scattare l'ansia in chi ne soffre.


Ma la buona notizia è che questa paura può essere sconfitta: tutto inizia con il rilassamento e la razionalizzazione.


Per vincere la paura di volare, Vueling consiglia di iniziare guardando video tutorial, leggendo articoli e guide.


Queste attività ti renderanno meno vulnerabile, riducendo l'ansia.


Inoltre, il riposo è fondamentale perchè la stanchezza aumenta l'ansia.


Assicurati perciò di riposare bene la notte prima del volo. Una doccia calda e abiti comodi ti aiuteranno a sentirti più a tuo agio.

Tra gli altri consigli utili, troviamo quello di arrivare in aeroporto con il giusto anticipo così da dedicarti ad attività rilassanti come una passeggiata o ascoltare la musica.


Questo ti darà un senso di maggior controllo e ti permetterà di affrontare le procedure di sicurezza senza stress.


Ecco un consiglio prezioso: se hai paura di volare, evita le bevande stimolanti come il caffè, che possono aumentare la frequenza cardiaca e peggiorare i sintomi dell'ansia.


Scegli invece succhi di frutta o bevande decaffeinate per mantenere la calma.


E durante il volo ricorda che non sei solo. Il personale di bordo è sempre altamente qualificato e felice di aiutarti.


Informali della tua paura senza vergogna e vedrai come saranno lì per supportarti, anche in caso di emergenza.


Parla con altri passeggeri, leggi un libro, ascolta musica o usufruisci dell'intrattenimento di bordo per distrarre la mente dalle tue paure.

Infine, anche le tecniche di respirazione possono essere un toccasana.


Regolarizza il respiro, rilassa il corpo e la mente e lascia meno spazio ai pensieri negativi.


Mettendo in pratica questi consigli affronterai il volo in modo più sereno e confortevole di quanto tu abbia mai immaginato.


Ma adesso torniamo a noi.


Voglio che tu riesca ad immaginare una situazione in particolare.


Mi riferisco cioè allo stress che potrebbe accumulare un potenziale ospite della tua struttura ricettiva dopo un viaggio di qualche ora.


Pensa al momento del suo arrivo.


In che modo lo accogli? Come ti prendi cura di lui?


Lasciami indovinare: nessuna strategia di accoglienza, a malapena una stretta di mano, consegna delle chiavi (o della card magnetica per chi è più evoluto), arrivederci e grazie.


Sono forse un'indovina?


Anche no!


È solo che ormai ho accumulato l'esperienza che basta per dirti quali sono i problemi comuni che mi trovo a gestire durante le mie consulenze.


E per aiutare quanti più imprenditori del turismo a migliorare un aspetto dimenticato - ahimè - come quello dell'accoglienza, ho deciso di investire tutte le mie energie e condensare gran parte del mio sapere all'interno del mio nuovo libro.


Si chiama Brain Positioning, costa meno di un portachiavi personalizzato e può essere tuo in men che non si dica, attraverso un semplice clic su questo link Al suo interno troverai una struttura chiara di come lanciare o ri-lanciare un brand nel mercato extra-alberghiero (ma non solo) senza sbavature, senza tecnicismi e senza strategie che richiedono investimenti multi-milionari.


È pensato su misura per te.

Ad ogni modo, ti lascio con una piccola confidenza: la strategia di lancio é una prova.


Una prova basata sulla fiducia. Per aiutarmi a costruire ancora più fiducia dovresti cliccare questo link e divulgare il mio ultimo lavoro condividendo le tue impressioni.


Dal canto mio, ti giuro che mi muoverò in prima persona per ricompensarti come meriti.


A te la decisione.


La scelta è tua e soltanto tua.


Un grande abbraccio,


Comments


bottom of page