top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreStefania Salvatore

Vacanze infernali: quali sono le maggiori preoccupazioni degli italiani in viaggio?

Il viaggio del viaggiatore non è mai perfetto, e quando lo è probabilmente non è il mio.


Non direi che sono incline agli incidenti, ma dopo aver scritto tanto sugli incubi di viaggio sono decisamente più incline a notare le dimenticanze dello staff nei confronti degli ospiti, me compresa.


Certo, viaggiare è sempre meraviglioso solo perché ci permette di raggiungere destinazioni iconiche, scoprendo monumenti artistici e rilassandoci tra le bellezze che appartengono alla nostra Terra.


Ma anche e soprattutto perché possiamo toccare con mano le culture, le tradizioni e le usanze di popoli lontani.


Succede però che non sempre, quando ci mettiamo in cammino, le cose vanno come avevamo immaginato.


Sì, a volte le esperienze di viaggio superano le aspettative, ma ci sono casi in cui le vacanze si trasformano in veri e propri incubi da dimenticare.


E a quanto pare non sono l'unica a soffrire di questi stress.


Tu sai già cosa più stressa e spaventa i viaggiatori?


Se dovesse interessarti, lo ha svelato una ricerca condotta da PSB Insights e commissionata da Uber, che ha rivelato la top ten dei problemi degli italiani in vacanza.


Al primo posto? I voli in ritardo!


E chi l'avrebbe mai detto...

aereo in ritardo ragazzo frustrato

Vacanze da incubo: tra voli in ritardo e smarrimento di oggetti personali


Preparare i bagagli in fretta, arrivare con largo anticipo in aeroporto per poi scoprire che il volo è in ritardo o peggio che è stato cancellato.


Probabilmente è capitato anche a te, almeno una volta nella vita, di ritrovarti in questa situazione tutt’altro che piacevole.


Non stupisce, quindi, che la paura più grande degli italiani che si preparano alle vacanze sia proprio quella del volo in ritardo.


Secondo la ricerca commissionata da Uber a PSB Insights, questo è il motivo che più preoccupa i nostri connazionali in partenza per destinazioni estere.


Il 59% delle persone intervistate, infatti, dichiara che un ritardo cospicuo può trasformare un viaggio di piacere in un incubo.


Ma non è l’unica cosa a spaventare i viaggiatori.


Al secondo e al terzo posto della top ten troviamo le lunghe code in aeroporto e lo smarrimento degli oggetti personali.


Episodi che irritano e stressano le persone in partenza.

lost luggage

10 cose che spaventano gli italiani in viaggio


Il momento delle vacanze, nella nostra mente, si prospetta come il più bello e rilassante dell’anno.


Ma a causa di alcuni imprevisti può trasformarsi in un vero e proprio incubo.


Proprio in vista della grande migrazione estiva, l’applicazione di mobilità Uber ha chiesto ai propri utenti quali sono le cause più frequenti di una “vacanza rovinata”.


Oltre ai voli in ritardo, alle lunghe code e allo smarrimento degli oggetti personali, troviamo anche materassi scomodi e vicini di posto rumorosi.


Ecco cosa dichiarano i viaggiatori:

  1. Voli in ritardo (59%);

  2. Lunghe code in aeroporto (47%);

  3. Smarrimento degli oggetti personali (45%);

  4. Vicini di posto rumorosi (43%);

  5. Check-out troppo presto (42%);

  6. Supplemento per il sovrappeso del bagaglio (38%);

  7. Dover raggiungere l’aeroporto molto presto o tardi (36%);

  8. Passeggeri che reclinano i sedili (32%);

  9. Rimanere bloccati nel sedile centrale dell’aereo (31%);

  10. Materassi scomodi (31%).

passeggeri fila aeroporto

Oltre ai problemi da incubo, la ricerca svela quali sono le cose che, al contrario, possono rendere le vacanze più piacevoli e rilassanti.


Al primo posto troviamo la possibilità di raggiungere l’aeroporto senza stress, seguita poi dal desiderio di poter effettuare il check in ed il check out senza vincoli di orario.


Il 6%, invece, ha dichiarato che basterebbe una videochiamata ai propri animali domestici, durante il soggiorno, per far tornare il buon umore.


Quindi, tornando a noi, se gestisci una struttura ricettiva dovresti tenere conto di tutti questi aspetti perchè rappresentano degli accumulatori di stress ed un'accoglienza superlativa per i tuoi ospiti rappresenta l'antidoto perfetto.


Vestendo i loro panni sarai in grado di far sentire le persone subito a proprio agio, concedendogli il meritato relax ed allontanando nuove problematiche senza appesantire inutilmente i loro pensieri.


Non a caso, sono sempre più convinta del fatto che la vera partita si gioca sulle percezioni prima ancora che sui fatti.


E ne sono convinta a tal punto da averci scritto un libro, il quarto per la precisione.


Anche se mi rendo conto che non sia sempre così semplice applicare i concetti dell'accoglienza da superstar.


Ed è proprio per questo che all'interno del mio ultimo sforzo bibliografico troverai ampi riferimenti uniti alle strategie di successo già utilizzate da altri tuoi colleghi.


Brain Positioning costa meno di un portachiavi personalizzato e può essere tuo facendo clic su questo link adesso.

Si aprirà una nuova pagina sicura e con connessione crittografata nella quale ti sarà chiesto di inserire i dati utili per il corriere.


Una volta completata la sezione anagrafica, è sufficiente premere il tasto arancione con scritto "Invia".


L'automazione mi informerà personalmente delle tue intenzioni d'acquisto ed io non vedo l'ora di confermare il tuo ordine senza alcun tipo di rischio per te.


Il motivo è semplice: se non riterrai Brain Positioning uno dei libri più utili ed illuminanti per la tua struttura ricettiva, potrai usufruire della speciale garanzia "Il Giuramento di Stefi Salvatore".


Funziona così: io ti garantisco al 100% che amerai questo libro.


Ma nell'improbabile e mai verificato caso in cui le informazioni al suo interno non siano le più rivoluzionarie che tu abbia mai letto nel mondo dell'accoglienza, fammelo sapere entro 90 giorni e ti restituirò il doppio dei soldi.


Non ti sarà chiesto nemmeno di rispedire le copie: potrai tenerle insieme a tutti gli altri Bonus che riceverai subito dopo l'acquisto.


Perchè lo faccio?


Per due motivi.


1) Perchè preferisco i fatti alle parole.


2) Perchè sono certa del funzionamento delle mie strategie. Hanno avuto successo sui tuoi colleghi e quindi non c'è alcun motivo logico che mi possa far pensare al contrario.


Ma ora la palla passa a te.


L'offerta è chiara.


La garanzia pure.


E hai tutto il potere decisionale nelle tue mani.


Non resta altro che cliccare il link più in basso e valutare - senza rischi - la bontà del mio metodo e la profondità delle mie conoscenze.



Grazie per il supporto,

ti mando un grande abbraccio,


Comments


bottom of page